• Gio. Dic 1st, 2022

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos, svapo e risorse gratuite

Fuga di massa dalla Foxconn: l’azienda dove si produce l’iPhone di nuovo nella bufera

Condividi:

Una fuga di massa di lavoratori dalla Foxconn, la fabbrica cinese dove si produce l’iPhone di Apple, sta causando grande preoccupazione sia alle autorità cinesi sia alla stessa Apple.

Nel weekend, infatti, i lavoratori hanno organizzato un massiccio esodo, a causa di un focolaio di coronavirus scoppiato nello stabilimento. L’enorme complesso nella città di Zhengzhou è solo l’ultimo centro di produzione a essere interessato dalle dure politiche zero-Covid del presidente Xi Jinping.

Cinque lavoratori che hanno parlato con il Financial Times hanno affermato che la situazione nello stabilimento si era gradualmente deteriorata e che il Covid continuava a diffondersi, con cibo e forniture mediche in esaurimento e lavoratori rinchiusi nei dormitori in quarantena. Proprio le condizioni di vita precarie unitamente al timore di un altro lungo lockdown avrebbero causato la fuga a piedi di centinaia di dipendenti.

“C’era un caos totale nei dormitori”, ha detto un lavoratore di 22 anni di nome Xia. “Abbiamo scavalcato una recinzione di plastica e una di metallo per uscire dal campus”. L’impianto ha spedito all’estero prodotti elettronici per un valore di 32 miliardi di dollari ed è stato il terzo esportatore cinese nel 2019, secondo fonti del ministero del commercio cinese. Situato nella provincia di Henan, lo stabilimento Foxconn attira da tempo giovani lavoratori dai villaggi di tutta la regione.

Nella giornata di ieri le autorità locali si sono affrettate a organizzare autobus per riportare i lavoratori a casa o in luoghi di quarantena attrezzata, dopo aver visto scene di lavoratori che camminavano lungo l’autostrada con borse e bagagli.

Mai più alla Foxconn

“Non tornerò mai più alla Foxconn”, ha detto un lavoratore di nome Xu, che è scappato dallo stabilimento alle 2 del mattino di domenica. “Non hanno umanità lì. Molti dipendenti avrebbero camminato lungo l’autostrada per più di 200 km per raggiungere le proprie case.

Da parte sua Foxconn ha dichiarato che “farà di tutto per garantire il ritorno a casa regolare e sicuro di tutti i dipendenti”. Tuttavia non è la prima volta che l’azienda viene accusata di porre in atto condizioni di lavoro insostenibili. E nonostante si sia affrettata a pubblicare un messaggio con il quale si impegna a “migliorare le condizioni di vita e di lavoro di tutti i dipendenti disposti a rimanere” sono in molti a segnalare che, negli ultimi tempi, l’area circostante allo stabilimento era stata chiusa, e i trasporti pubblici e molte strade bloccate. Alcuni lavoratori hanno riferito che Foxconn controlla rigorosamente ogni movimento sottoponendo a test Covid quotidiani il personale e a lunghe quarantene i lavoratori positivi per cercare di contenere l’epidemia continuando la produzione di iPhone.

“Il mio collega è stato portato via per la quarantena. Mia sorella maggiore è rinchiusa nella sua stanza nel dormitorio”, ha detto Cao Zhiqiang, un lavoratore alla catena di montaggio dello stabilimento. “La mia casa è troppo lontana per scapapre, quindi sono bloccato qui”.

L’articolo Fuga di massa dalla Foxconn: l’azienda dove si produce l’iPhone di nuovo nella bufera sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Cellulare Magazine Read More

Lascia un commento

Generated by Feedzy