• Mer. Feb 1st, 2023

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos, svapo e risorse gratuite

Samsung presenta il sensore Isocell del futuro Galaxy S23

Il team di progettazione dei semiconduttori di Samsung, inclusi i sensori Isocell, ha introdotto il suo nuovo sensore da 200 Megapixel. Senza nominare esplicitamente il Samsung Galaxy S23, tutti si aspettano ovviamente di trovare questo sensore sui futuri flagship del brand coreano. Tanto più che questo sensore da 200 Megapixel è oggetto di indiscrezioni.

Esistono già sensori da 200 Megapixel. Tuttavia, introduce una serie di cambiamenti essenziali: per cominciare, i fotositi di questo nuovo sensore sono di 0,56 µm. Alcune basi di fotografia: per raccogliere la luce, il sensore è diviso in più piccoli pozzetti di luce, chiamati fotositi, generalmente quadrati, la cui dimensione è espressa in micron (µm) o anche in nanometri (nm). Le informazioni provenienti da ogni singolo photosite diventano, dopo essere passate attraverso il mulino del processore, un pixel costitutivo dell’immagine.

Logicamente, più fotositi ci sono, più piccoli sono. Tuttavia, più piccoli sono i fotositi, minore è la luce che catturano. La sfida è quindi quella di avere molti fotositi (dimensioni del sensore) delle dimensioni più grandi possibili (dimensioni dei fotositi), limitando allo stesso tempo lo spessore del sensore.

Qui, 0,56 µm per un photosite è ben lungi dall’essere un record per un sensore da 200 megapixel. In effetti, il sensore Samsung S5KHP1, spesso chiamato Isocell HP1, fa meglio. Con una dimensione di 1/1,22 pollici, incorpora fotositi da 0,64 µm e può combinarne 16 per creare foto da 12 Megapixel, con una dimensione finale in pixel di 2,56 µm. In realtà il merito del nuovo sensore da 200 Megapixel di Samsung è soprattutto quello di aver integrato questa tecnologia in un sensore molto più sottile. La sfida qui non è ingrandire i photosite, ma implementare tecnologie per limitare la perdita di prestazioni derivante dalla miniaturizzazione dei photosite.

La corretta delimitazione dei photosite

La corretta delimitazione dei fotositi è una delle sfide, e questo è oggetto di molte innovazioni. Su questo nuovo sensore Isocell, Samsung  ha sostituito la griglia metallica tra i filtri colorati con un materiale più riflettente. Questa innovazione riduce la perdita ottica e aumenta la sensibilità alla luce. Una migliore sensibilità alla luce consente ai pixel più piccoli del sensore di assorbire più luce, ottenendo foto con più dettagli e meno rumore.

Samsung introduce così la nuova rete a griglia unita il cui obiettivo è rimuovere la griglia tra gli stessi filtri di colore, aumentando così l’area di assorbimento della luce in ciascun pixel.

Il binning dei pixel a seconda del contesto

Samsung ha anche perfezionato la sua tecnologia Pixel binning (l’unione di pixel per ottenere un’immagine più luminosa e dettagliata). Ad esempio, quando si scatta una foto in un ambiente buio, la tecnologia Pixel binning (tetra) combina 16 pixel in un pixel grande per catturare più luce per immagini più luminose. D’altra parte, quando è giorno o è luminoso, l’algoritmo riorganizza la matrice dei pixel per ottenere un’elevata definizione dell’immagine, ottenendo immagini nitide e dettagliate. Il binning dei pixel potrebbe non essere sempre utile, specialmente in condizioni di scarsa illuminazione. Con questa tecnologia, Samsung cerca quindi di ottenere i migliori risultati a seconda del contesto.

Senza certificare che si tratti del sensore del futuro Galaxy S23, sospettiamo che la tempistica dell’annuncio non sia necessariamente una coincidenza…

L’articolo Samsung presenta il sensore Isocell del futuro Galaxy S23 sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Cellulare Magazine Read More

Lascia un commento

Generated by Feedzy