0 00 4 minuti 8 mesi 11

Più intelligenza artificiale! Che periodo fantastico in cui viviamo, vero? Le macchine stanno ora imparando a sostituire la nostra creatività e il nostro talento. L’ultima versione di Photoshop Beta ha introdotto una nuova funzionalità che l’azienda americana chiama “Generative Fill”. È un’innovazione che elimina la necessità dell’intervento umano. Vuoi rimuovere un ex imbarazzante da quella foto delle vacanze? Vuoi aggiungere un po’ più di cielo a quella foto di montagna? Firefly, l’intelligenza artificiale di Adobe, è qui per aiutarti.

Ciò che è particolarmente affascinante è il modo in cui Firefly gestisce automaticamente la prospettiva, l’illuminazione e lo stile delle immagini. Come se l’intelligenza artificiale fosse un artista affermato che ha passato anni a studiare le complessità dell’arte della fotografia. Questa funzione di riempimento generativo funziona abbastanza bene, o almeno così Adobe vuole farci credere. Ovviamente, lo strumento non è perfetto. In effetti, a volte può produrre risultati abbastanza comici, creando elementi che non hanno senso. In generale, i risultati ottenuti sembrano comunque abbastanza discreti, e va notato che per raggiungere un tale livello di qualità a mano, sarebbe necessario un notevole investimento di tempo.

La funzione Generative Fill di Firefly è stata addestrata su milioni di immagini ad alta definizione da Adobe Stock. Adobe assicura che ciò garantisce che Firefly non genererà contenuti basati sulla proprietà intellettuale di un’altra persona o di un altro marchio. In breve, non preoccuparti degli errori legali.

Il contenuto creato da Photoshop è presentato in “livelli generativi”, che consentono all’utente di sperimentare e ripristinare se necessario. D’altra parte, Generative Fill ha anche integrato “identificatori di contenuto” per determinare se un contenuto è stato creato dall’uomo, generato dall’IA o modificato dall’IA.

Al momento non è possibile utilizzare le immagini generate con la versione beta per scopi commerciali. Tuttavia, nella versione finale che verrà rilasciata nella seconda metà del 2023, potrai utilizzare le immagini generate per scopi commerciali. Quindi preparati per una nuova era nella creazione di immagini.

Adobe sta recuperando terreno

Il mondo dell’IA non si ferma mai e, ovviamente, Adobe non è l’unica a farlo. Funzionalità simili sono già disponibili dall’agosto dello scorso anno nel generatore e nell’editor di immagini DALL-E 2 di OpenAI, e anche in varie versioni modificate di Stable Diffusion più o meno nello stesso periodo. Quindi sì, si potrebbe dire che Adobe stia recuperando terreno, integrando queste funzionalità nel suo prodotto di punta.

Se non sei ancora abbonato a Creative Cloud, puoi comunque provare Generative Fill gratuitamente sul sito Web di Adobe accedendo con un account Adobe tramite uno strumento Web. Buone notizie, Adobe ha recentemente rimosso la lista d’attesa dalla sua versione beta di Firefly.

L’articolo Photoshop Beta introduce Generative Fill: l’intelligenza artificiale al servizio della creatività sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Dicci la tua, scrivi il tuo commento: