• Ven. Set 30th, 2022

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos e risorse gratuite

Dazn: come passare da standard a plus se pagate con Google Play

Condividi:

Con il campionato di calcio che inizierà settimana prossima, sono in molti a cercare una soluzione che consenta di vedere le partite della massima serie senza spendere una fortuna. Dopo il pasticcio dello scorso anno e il divieto di guardare le partite su due reti diverse, poi rientrato grazie anche all’interessamento della politica, DAZN ci riprova quest’anno con una soluzione che consente di condividere il proprio abbonamento.

Nasce così l’abbonamento PLUS che, a fronte di un aumento di 10 euro (da 29,99 a 39,99 euro) permette di guardare contemporaneamente le partite su due dispositivi anche da luoghi diversi.

Se paghi con Google Play sono affari tuoi…

Tutto bene dunque, o quasi. Se infatti avete sottoscritto l’abbonamento a DAZN tramite lo store di Google, vi verrà chiesto di cambiare il pagamento all’interno dell’app. Se cercate una guida per farlo, DAZN riporta questa spiegazione:

Come faccio a cambiare piano da STANDARD a PLUS? 

«Puoi cambiare la sottoscrizione dal piano STANDARD a quello PLUS in autonomia andando all’interno dell’area “Il Mio Account” , se paghi con carta di credito/debito o PayPal. Se invece paghi DAZN attraverso un fornitore terzo come Google o Apple, per cambiare piano di abbonamento devi entrare nell’area abbonamenti dell’app store di riferimento». 

Peccato che entrando nell’area abbonamenti di Google Play questa possibilità non esiste. Potrete cambiare metodo di pagamento oppure metterlo in pausa, ma non sarà possibile cambiare in alcun modo l’abbonamento da standard a plus. Per completezza d’informazione abbiamo provato a contattare DAZN e il suo servizio clienti ma anche in questo caso senza successo.

Da DAZN continuano a ripetere che il problema è di Google Play, visto che sul loro sito è possibile cambiare l’abbonamento da standard a plus ma non è così. Chiunque abbia competenze come sviluppatore di app sa bene che un’opzione del genere deve essere cambiata da chi è proprietario dell’app, ovvero DAZN e non da Google Play che fornisce il servizio. Il risultato finale comunque non cambia. Se vorrete cambiare il vostro abbonamento sarete costretti a cancellare la sottoscrizione con Google Play e a rifarla tramite DAZN, scegliendo un nuovo metodo di pagamento.

DAZN: Non è che ci vuoi far lasciare Google Play per non pagare commissioni?

A questo punto la domanda sorge spontanea. Non è che si tratti un escamotage di DAZN per evitare di pagare le commissioni allo store di Google? Una pratica scorretta anche perché porta un danno agli utenti. Nel mio caso infatti, sono costretto ad aspettare la scadenza mensile dell’abbonamento a Google Play (23 agosto), cancellare la sottoscrizione, e quindi rifarla tramite DAZN.

Il calcio su SKY Q? Un’altra bugia

Ma se Atene piange, anche Sparta non ride. Se avete letto in questi giorni dell’arrivo di DAZN su SKY Q e non ci avete capito nulla, siete probabilmente in buona compagnia. Anche in questo caso si tratta di un’operazione cervellotica, pensata propri per confondere l’utente, questa volta però da parte del concorrente SKY. Si tratta infatti di una beffa bella e buona visto che per per vedere le partite su SKY Q non solo dovrete aver sottoscritto l’abbonamento a DAZN (quindi pagando i 29,99 o 39,99 euro) ma dovrete aggiungere anche ulteriori 5 euro al mese. Una tassa inutile visto che con una semplice smart TV potete vedere DAZN gratis sul vostro televisore senza passare dunque da Sky Q.

L’articolo Dazn: come passare da standard a plus se pagate con Google Play sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Cellulare Magazine Read More

Fonte Esterna

Le migliori NEWS pescate nel web, sulla vita tecnologica (media, smartphone, hi-tech life, computer, hi-tech news…), comodamente raccolte come rss in un unico contenitore. Questo sito utilizza RSS Aggregator by Feedzy come plugin di aggregazione, pertanto le immagini (per non gravare di peso sui siti proprietari) vengono utilizzate in apposito spazio web, ma tali immagini sono catturate in quanto comunque MESSE A DISPOSIZIONE DEI RELATIVI SITI PROPRIETARI ATTRAVERSO IL RELATIVO CODICE RSS. Le fonti dei contenuti sono sempre indicate, quando presenti. L’autore non si assume responsabilità per eventuali inesattezze riportate. Le immagini utilizzate in questo sito sono in parte proprietà dell’autore, in parte tratte da altre fonti. Nei casi in cui non è citata la fonte, si tratta di immagini largamente diffuse su internet, ritenute di pubblico dominio. Su tali immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore. Se detenete il copyright di qualsiasi immagine o contenuto presente su questo sito o volete segnalare altri problemi riguardanti i diritti d’autore, potete inviare una e-mail per chiederne la rimozione o la modifica.

Lascia un commento

Generated by Feedzy