0 00 4 minuti 2 anni 10

Smart working sì o smart working no? Se n’è discusso molto nel nostro Paese, e probabilmente se ne discuterà ancora, ma non c’è dubbio che il lavoro da remoto, quello svolto lontano dalle scrivanie dell’azienda porti con sè dei pro e dei contro.

A capire esattamente quali siano questi pro e contro ci ha provato Attiva, distributore primario del marchio EIZO in Italia, con un sondaggio sul rapporto tra le persone e lo smart working, condotto proprio dal brand di soluzioni di visualizzazione.

Cinque milioni di italiani

Dal 2020 ad oggi, più di 5 milioni di italiani hanno lavorato più o meno stabilmente da casa. Di fatto, la pandemia ha intensificato una tendenza al lavoro smart che era viva anche prima, ma che procedeva in modo molto più lento e graduale. Oggi, a distanza di più di due anni, EIZO ha deciso di scoprire come le persone stanno effettivamente lavorando e che opinione hanno del lavoro smart, cosa vorrebbero in futuro e quali sono le loro principali preoccupazioni.

Il primo dato è positivo: il 56% degli intervistati sarebbe felice di lavorare da casa anche in futuro, segno che l’esperienza è stata appagante e che la produttività non è più vincolata al luogo di lavoro. La soluzione migliore sembrerebbe il lavoro ibrido, con alternanza tra home working e tradizionale attività in ufficio: il 91% delle persone la pensa così e vorrebbe che l’ufficio restasse comunque un punto di riferimento.

Purtroppo, approfondendo emergono dati meno convincenti e qualche preoccupazione di troppo. Il 32% degli intervistati, infatti, è preoccupato circa l’equilibrio tra il lavoro e il tempo libero, e questo dipende – oltre che dall’organizzazione della giornata – anche dal fatto di lavorare e trascorrere il tempo libero nello stesso ambiente.

Poco tempo libero

Il dato più preoccupante, però, è un altro: il 60% delle persone teme possano insorgere malattie legate al lavoro da casa. Tutto ciò può dipendere da diversi fattori: innanzitutto, occorre avere in casa uno spazio dedicato al lavoro, bisogna poi curare il proprio benessere psicologico e, soprattutto, disporre di un’attrezzatura corretta. I datori di lavoro devono intervenire in fretta, poiché il 40% sostiene di non avere strumenti che favoriscono il lavoro da casa e il 36% dice di non essere stato supportato dalla sua azienda in tal senso.

In particolare, secondo la ricerca di EIZO una soluzione ottimale prevede:

Un monitor regolabile posto all’altezza giusta (quella degli occhi), per evitare affaticamento visivo. Meglio ancora se il monitor dispone di funzionalità per la salvaguardia della vista;Una sedia con un corretto supporto lombare;Mouse e tastiera wireless per una postura corretta;Un ambiente ordinato, che favorisce la concentrazione e la produttività;Un ambiente di lavoro separato da quello in cui si dorme o si mangia, così da creare una divisione tra le varie esperienze che contraddistinguono la giornata;Coltivare hobby e pianificare attività al di fuori dell’orario di lavoro;Pause regolari ed esercizio fisico.

Lo smart working non verrà meno con l’attenuarsi della pandemia e, se ben progettato e gestito, porterà le imprese verso la modernizzazione del paradigma di lavoro, con più produttività ed efficienza. Ma è fondamentale che il benessere individuale venga sempre preservato, pur all’interno di dinamiche ancora tutte da scoprire. 

L’articolo Attiva: in una ricerca di EIZO, i pro e i contro dello smart working sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Cellulare Magazine Read More

Dicci la tua, scrivi il tuo commento: