• Mer. Lug 6th, 2022

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos e risorse gratuite

Samsung dovrà pagare una multa salata per pubblicità ingannevoli

Condividi:

Samsung è finita in tribunale per pubblicità ingannevoli riguardanti la resistenza all’acqua dei propri smartphone, e ora dovrà pagare una multa salata. La causa, portata avanti dalla Commissione Australiana della Competizione e dei Consumatori, risale al 2019, ed è terminata soltanto ora.

Il problema riguarda alcune pubblicità relative a smartphone dotati di certificazione IP68 contro acqua e polvere, come la famiglia Samsung Galaxy S7 e Galaxy S8. Diverse immagini promozionali hanno mostrato questi telefoni in ambienti come mare e piscine.

In realtà, è vero che i telefoni di Samsung sono resistenti all’acqua, ma solo fino a un certo punto. Sopravvivono se vi cadono dentro, ma esposizioni prolungate, specialmente in acqua salata, possono corrodere la porta di ricarica e addirittura danneggiare irreparabilmente lo smartphone. E l’assicurazione non prevede rimborsi per danni causati dall’acqua.

Questo non è comunicato in alcun modo dalle pubblicità di Samsung, che anzi mostra persone intente a farsi selfie fra le onde. E le lamentele non sono tardate a venire, perché moltissimi utenti hanno denunciato danni ai propri smartphone a causa di queste promozioni ingannevoli.

Il verdetto è che Samsung dovrà pagare 14 milioni di dollari australiani, ovvero circa 9 milioni di euro. Le pubblicità in questione sono state mostrate per ben 2 anni prima di essere modificate, e in questo lasso di tempo Samsung ha venduto in Australia 3 milioni di unità, di cui ora dovrà rispondere.

L’articolo Samsung dovrà pagare una multa salata per pubblicità ingannevoli sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Cellulare Magazine Read More

Lascia un commento