• Dom. Ago 14th, 2022

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos e risorse gratuite

Russia e Renault: presa una decisione per lo stabilimento di Mosca, ecco cosa succederà

Condividi:

Russia e Renault: presa una decisione per lo stabilimento di Mosca, ecco cosa succederà Tecnoandroid

Renault, la casa automobilistica occidentale più esposta al mercato russo, ha dichiarato mercoledì che sospenderà le operazioni nel suo stabilimento di Mosca mentre valuta le opzioni sulla sua partecipazione di maggioranza in Avtovaz, la casa automobilistica n. 1 del paese.

La mossa è avvenuta tra le crescenti pressioni sulla continua presenza della compagnia francese in Russia da quando il paese ha invaso l’Ucraina. Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ha chiesto un boicottaggio globale della Renault.

Il Gruppo Renault ricorda che sta già implementando le misure necessarie per conformarsi alle sanzioni internazionali“, ha affermato la società nella dichiarazione di mercoledì, la prima sulla questione dall’inizio della guerra. La dichiarazione non ha fatto menzione della crisi in Ucraina.

La casa automobilistica francese mercoledì ha rivisto il margine del suo gruppo operativo a circa il 3% da un valore pari o superiore al 4% nel 2022 e ha adeguato le sue prospettive di flusso di cassa automobilistico a “positivo” da una stima precedente di 1 miliardo di euro (1,10 miliardi di dollari) o superiore.

Mercoledì Kuleba ha scritto in un tweet: “Accolgo con favore la dichiarazione di @renaultgroup sulla cessazione delle attività industriali in Russia. Mossa responsabile sullo sfondo della barbara aggressione russa contro l’Ucraina“.

Una questione molto delicata

Renault trae l’8% dei suoi guadagni principali dalla Russia, secondo Citibank, principalmente attraverso la sua partecipazione del 69% in Avtovaz, che è dietro il marchio automobilistico Lada.

Secondo due fonti vicine alla questione, il consiglio di amministrazione della Renault ha considerato scenari diversi ma ha deciso per il momento di mantenere presenza in Russia.

Un decennio fa, le case automobilistiche vedevano la Russia come un mercato in crescita promettente con il potenziale per essere tra le dieci nazioni più grandi al mondo per l’acquisto di veicoli. Le ultime sanzioni e le precedenti misure imposte dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014 hanno fatto deragliare queste prospettive.

Il governo francese ha affermato più volte che spettava alle società francesi decidere sul futuro delle loro operazioni in Russia, purché rispettino le sanzioni internazionali.

Dopo aver ripreso la produzione russa all’inizio di questo mese, la società ha annunciato un’ulteriore chiusura parziale dei suoi siti di Togliatti e Izhevsk questa settimana, citando la carenza di componenti elettronici.

Le sue operazioni russe lo scorso anno hanno rappresentato quasi il 20% del volume totale del gruppo, ma il presidente della Renault Jean-Dominique Senard ha dichiarato il 10 marzo, a due settimane dall’inizio della guerra, che è improbabile che la crisi minacci la ripresa della casa automobilistica francese.

La Renault ha dichiarato mercoledì che quantificherà il valore degli asset interessati dalla decisione sullo stabilimento di Mosca quando rilascerà i risultati semestrali. L’anno scorso quei beni erano pari a 2,2 miliardi di euro, ha affermato la società.

Russia e Renault: presa una decisione per lo stabilimento di Mosca, ecco cosa succederà Tecnoandroid

Tecnoandroid Read More

Lascia un commento

Generated by Feedzy
Available for Amazon Prime