• Mer. Feb 1st, 2023

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos, svapo e risorse gratuite

In che modo le criptovalute stanno cambiando l’industria del gioco? – Geekissimo

Chi si ricorda l’evoluzione del mondo del gioco fatica a credere a che punto siamo arrivati oggi, con titoli che offrono delle esperienze simili a quello che potremmo veder al cinema. Tutto questo è avvenuto grazie allo sviluppo di tecnologie diverse e delle reti di trasmissione. E oggi, all’interno dei giochi si stanno infilando anche le criptovalute e la tecnologia su cui sono costruite: la blockchain.

criptovalute

Giochi su blockchain – il prossimo futuro

La tecnologia blockchain è quella che sta alla base delle criptovalute come Bitcoin ed Ethereum (per scoprire il tasso di cambio più aggiornato, cliccate qui): permette di creare oggetti digitali con una proprietà univoca e certa, e questo consente di superare lo scoglio che ha sempre accompagnato gli oggetti creati digitalmente, ovvero, la replicabilità.

L’applicazione di questa tecnologia ai giochi consente di creare oggetti unici, che possono essere conservati, oppure venduti ad altri o scambiati. Per esempio, pensiamo ai giochi dove i personaggi si guadagnano degli oggetti, o li fabbricano.

Anziché mantenerli solo nel proprio universo o scambiarli con altri giocatori all’interno dell’infrastruttura del gioco quando questo è possibile, attraverso la tecnologia blockchain essi potranno produrli per altri, e quindi venderli facendosi pagare con criptovalute oppure con valute tradizionali. Questa possibilità apre degli scenari di sviluppo enormi, che ci portano verso l’utilizzo di questi oggetti smart anche nel Metaverso.

Il mercato del gioco, la gallina dalle uova d’oro

Inutile dire che quello del gioco è il mercato di riferimento dell’industria in generale. Diversi operatori attivi in altri campi stanno riconvertendo le proprie attività per entrare in questo campo così lucroso e dagli enormi sviluppi: uno dei casi recenti più eclatanti è quello di Netflix, il gigante dello streaming di contenuti in difficoltà finanziaria, che sta aprendo una sua sezione proprio dedicata ai videogiochi.

Il motivo di questo spostamento di focus è evidente: il mercato dei videogiochi è previsto  in crescita verticale, per superare i $125 miliardi a livello mondiale nel 2025, con un numero di giocatori che supererà i 3 miliardi nel 2023 e un tasso di crescita annuale del 5,6%).

E la possibilità di inserire questa opportunità di sviluppo legata alla blockchain potrebbe far schizzare verso l’alto questi numeri.

Un mercato ibrido di giochi, blockchain e NFT

Quanto sta accadendo sta creando i presupposti di un mercato ibrido che comprende, in diverse applicazioni digitali, degli oggetti che possono essere prodotti e scambiati. Non è la prima volta che accade: già tempo fa avevamo assistito all’esplosione di Second Life, un mondo digitale che univa queste caratteristiche: ma oggi, stiamo andando molto oltre, dato che tutto questo non ha più bisogno di operare su una singola piattaforma, ma lo farà su diversi sistemi autonomi e sempre attivi.

Inoltre, questa convergenza porta inevitabilmente alla sinergia. Per esempio, i creatori digitali di NFT saranno attirati dalle possibilità offerte dalle piattaforme di gioco per creare dei contenuti digitali, e gli stessi giocatori andranno in cerca di oggetti e strumenti (come anche di personaggi) sempre diversi e unici, per distinguersi all’interno della community.

In sintesi

Siamo all’alba di una nuova evoluzione del mercato del gioco, e non ci resta altro che aspettare alla finestra per vedere in che modo si svilupperà: ma le premesse, offerte dalle potenzialità praticamente infinite della blockchain, ci lasciano prevedere un futuro molto interessante, che potrà diventare un ambiente di sviluppo, e di lavoro, per tantissime persone.

Geekissimo Read More

Fonte Esterna

Le migliori NEWS pescate nel web, sulla vita tecnologica (media, smartphone, hi-tech life, computer, hi-tech news…), comodamente raccolte come rss in un unico contenitore. Questo sito utilizza RSS Aggregator by Feedzy come plugin di aggregazione, pertanto le immagini (per non gravare di peso sui siti proprietari) vengono utilizzate in apposito spazio web, ma tali immagini sono catturate in quanto comunque MESSE A DISPOSIZIONE DEI RELATIVI SITI PROPRIETARI ATTRAVERSO IL RELATIVO CODICE RSS. Le fonti dei contenuti sono sempre indicate, quando presenti. L’autore non si assume responsabilità per eventuali inesattezze riportate. Le immagini utilizzate in questo sito sono in parte proprietà dell’autore, in parte tratte da altre fonti. Nei casi in cui non è citata la fonte, si tratta di immagini largamente diffuse su internet, ritenute di pubblico dominio. Su tali immagini il sito non detiene, quindi, alcun diritto d’autore. Se detenete il copyright di qualsiasi immagine o contenuto presente su questo sito o volete segnalare altri problemi riguardanti i diritti d’autore, potete inviare una e-mail per chiederne la rimozione o la modifica.

Lascia un commento

Generated by Feedzy