• Mer. Lug 6th, 2022

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos e risorse gratuite

Il programma di auto-riparazioni Apple debutta negli Stati Uniti ma ci sono dei limiti

Condividi:

Da questa settimana, i possessori di iPhone statunitensi possono effettuare autonomamente la riparazione “ufficiale” del proprio dispositivo danneggiato. Apple ha infatti dato il via al suo programma Apple Self Service Repair annunciato lo scorso novembre, disponibile, per il momento, solo negli USA.

Su un sito online dedicato, questo servizio consente a tutti di ordinare parti ufficiali per un iPhone 12, iPhone 13 o iPhone SE (3a generazione) e il kit di attrezzi per eseguire autonomamente la riparazione. Successivamente, si applicherà anche ai MacBook e l’accesso sarà reso disponibile anche ad altri paesi. Ovviamente ciò richiede una certa conoscenza e una certa manualità per effettuare alcune manipolazioni che possono rivelarsi complesse.

Una buona idea con molti problemi

Apple Self Service Repair consente quindi di sostituire lo schermo, l’altoparlante, la batteria o la fotocamera con parti ufficiali e utilizzando strumenti solitamente riservati ai riparatori autorizzati. Vengono forniti anche manuali per svolgere tutto a regola d’arte.

Sulla carta, tutto sembra essere perfetto. È quindi logico che iFixit, sito specialista in riparazioni, abbia esaminato l’argomento. In un lungo post sul blog, Elizabeth Chamberlain, responsabile della sostenibilità di iFixit, dà la sua opinione sul servizio: nonostante accolga favorevolmente l’iniziativa, è comunque scettica su molti punti e sottolinea i problemi.

“Tutto ciò che permette di far riparare alle persone è un’ottima notizia”, ​​ha scritto, dicendo di essere “ entusiasta  ”del programma Apple con i suoi sette anni di disponibilità delle parti, gli strumenti per la vendita al dettaglio e la fornitura gratuita di manuali di riparazione dettagliati. Ma aggiunge: “Siamo delusi e torniamo al nostro solito scetticismo. »

Perché? Apple impone in particolare di avere un numero di serie o IMEI del proprio dispositivo per poter ottenere le parti e gli strumenti (cosa essenziale anche per avere le parti adattate all’iPhone…). Cupertino consente solo riparazioni “molto limitate”, secondo il sito.

Se si utilizzano parti non ufficiali sul proprio iPhone, si può essere esposto a un messaggio di errore. “ Questa strategia ostacola la riparazione di componenti di terze parti con perdita di funzionalità e tattiche spaventose che potrebbe limitare significativamente le opzioni per riciclatori e assistenti tecnici, mettendo in cortocircuito l’economia circolare”, ha affermato Chamberlain.

L’articolo Il programma di auto-riparazioni Apple debutta negli Stati Uniti ma ci sono dei limiti sembra essere il primo su Cellulare Magazine.

Cellulare Magazine Read More

Lascia un commento