• Dom. Ago 14th, 2022

Oktested.it

Informazione tecnologica, recensioni, unboxing, mondo iqos e risorse gratuite

Auto elettrica: e se scoppiasse cosa accadrebbe? Ecco quanto emerso dagli studi

Condividi:

Auto elettrica: e se scoppiasse cosa accadrebbe? Ecco quanto emerso dagli studi Tecnoandroid

Iniziamo col dire che l’esplosione di una classica auto è ben diversa dalla moderna elettrica, pertanto cambia anche il modo di “spegnerla”. In Italia i Vigili del Fuoco hanno realizzato delle apposite procedure d’intervento, in continuo aggiornamento. Ciò che ancora non è chiaro però è cosa accade davvero ad un auto elettrica durante questo processo. Presto lo scopriremo grazie ad alcuni studi guidati dall’ente svizzero che si occupa della sicurezza stradale (FEDRO) in collaborazione con i ricercatori dell’EMPA, centro di ricerca specializzato nella chimica e nei materiali.

Auto elettrica: i risultati dell’esperimento condotto dall’EMPA

“Nel nostro esperimento abbiamo considerato le domande degli operatori pubblici e privati che gestiscono gallerie più o meno grandi e parcheggi coperti”, spiega il project leader Lars Derek Mellert, della società specializzata Amstein + Walthert, “tutte queste strutture sotterrane saranno sempre più utilizzate dalle auto elettriche e gli operatori ci hanno chiesto: cosa dobbiamo fare se una vettura prende fuoco? Quali sono i rischi?”.

Durante l’esperimento sono stati montati ben 3 scenari di incendio:

Scenario 1: Il test è avvenuto con una scala di 1/8 simulando un parcheggio chiuso dalla superficie di 28×28 metri e un’altezza di 2,5 metri, con un’auto elettrica data alle fiamme con batteria da 32 kWh.
Scenario 2: L’ambiente di test è lo stesso del primo Scenario, ciò che cambia è che in questo caso la presenza di un impianto antincendio ha portato via il fumo prodotto dalla combustione e incanalato nei bacini di raccolta dell’acqua. La batteria è rimasta accesa e fatta bruciare completamente.
Scenario 3: Il test è avvenuto in un tunnel dotato di un sistema di ventilazione lungo 160 metri con piastre a intervalli regolari per la raccolta della fuliggine.

“Abbiamo installato superfici di test dappertutto, dopodiché abbiamo analizzato chimicamente queste superfici e le abbiamo conservate per diversi mesi in modo da valutare i possibili danni dovuti alla corrosione”, spiegano i ricercatori.

Il risultato? L’EMPA ha concluso dichiarando che “Anche i Vigili del Fuoco non devono apprendere nulla di nuovo sulla base dei test svolti sapendo già molto bene che la batteria di un’auto elettrica è impossibile da spegnere e che può essere raffreddata solo con grandi quantità di acqua. Inoltre un relitto parzialmente incendiato deve essere conservato nell’acqua o in un apposito contenitore per non riaccendersi”.

Auto elettrica: e se scoppiasse cosa accadrebbe? Ecco quanto emerso dagli studi Tecnoandroid

Tecnoandroid Read More

Lascia un commento

Generated by Feedzy